16-02-2018

Somalia

Un team di tre persone sta lavorando in Somalia oggi per monitorare le distribuzioni con il partner ActionAid, rispondendo agli sfollamenti causati da una grave siccità. Questa è la Fase 2 delle distribuzioni in Somalia, l’aiuto è lo stesso della Fase 1 – riguarda la distribuzione di ShelterKit con 2 teli di copertura che sostituiscono le tende – ma includeranno cinque coperte invece di due. Questa è una grande distribuzione che supporta un totale di 1.000 famiglie. Il team monitorerà solo una distribuzione, ActionAid eseguirà il resto da solo. Oltre a monitorare le distribuzioni, condurranno le sessioni di formazione con ActionAid e stabiliranno un quadro di monitoraggio e valutazione per quando la squadra se ne sarà andata.

Monitoraggio del ciclone tropicale Gita

Il ciclone Gita è arrivato sul Pacifico quattro giorni fa – Tonga è stata l’isola che ha subito il maggior danno. L’agenzia di aiuti internazionali Habitat International ha effettuato valutazioni nei due giorni successivi e ci tiene aggiornati sul numero di famiglie colpite totalmente e parzialmente danneggiate. Il ciclone è stato declassato in una categoria 2. Si prevede che il downgrade a una tempesta tropicale inizi la prossima settimana quando è probabile che ci possa essere un atterraggio in Nuova Zelanda.

Royal Reception

Il nostro presidente della famiglia reale, HRH the Duchess of Cornwall, ha dimostrato ancora una volta il suo sostegno a ShelterBox ospitando un ricevimento alla Clarence House di Londra. (Fotografie Ian Jones).

 

Giornata mondiale del Rotary: 23 febbraio

Conosciuta anche come Giornata mondiale per la pace e la comprensione, coglieremo l’occasione per celebrare la nostra partnership.

…. dalle Filippine

La foto allegata è di Jaime e Jennifer e dei loro figli, una famiglia di Caibiran (comune) a Biliran (provincia) nelle Filippine. La famiglia ha ricevuto una ShelterBox con una tenda dopo che la loro casa è stata completamente distrutta da una frana causata da Urduja delle tempeste tropicali. La loro casa e le loro proprietà erano irrecuperabili e dovettero ricominciare da capo con quel poco che erano riusciti a salvare dalle macerie. Per le tre settimane successive alla tempesta, Jaime e Jennifer sono rimasti in un “centro di evacuazione”. In realtà, questi rifugi sono sovraffollati edifici pubblici spesso senza acqua corrente, servizi igienici o impianti di lavaggio. La famiglia ha diritto alla riqualificazione da parte della National Housing Authority perché il sito della loro ex casa è stato dichiarato “no-build zone” dal governo a causa del rischio di frane future. Tuttavia, queste case sono ancora in costruzione e ci vorranno diversi mesi prima che siano pronte. La tenda fornita da ShelterBox, su un terreno messo a disposizione dal sindaco locale, ha fornito a Jaime, Jennifer e ai loro figli privacy, protezione dalle avversità atmosferiche e in qualche modo un posto per per conservare i loro beni e da chiamare casa. Hanno anche ricevuto un piccolo kit di attrezzi, un set da cucina, luci solari, portatori d’acqua, zanzariere, coperte e un orsacchiotto a maglia. [Parole e foto fornite dal coordinatore delle operazioni Anna Dixie]

09/02/18 21:43:04

Caraibi: il team è oggi a Barbuda per parlare a più famiglie dell’impatto del nostro aiuto nell’ambito del processo di monitoraggio e valutazione.

Camerun: le distribuzioni di kit per l’igiene sono in corso questa settimana.

Ciad: l’aiuto per la fase 3 è attualmente pronto per le distribuzioni. Questo aiuto include kit NFI e telone.

Somalia: l’aiuto è in arrivo al magazzino. Una volta lì, si terrà fino a quando il team arriverà il 16 febbraio, quando è previsto il processo di distribuzione.

01/02/18 17:43:04

Filippine: tutte le distribuzioni pianificate sono state completate questa settimana portando il totale a 957 famiglie che hanno ricevuto riparo. La squadra dovrebbe lasciare il paese entro la fine della settimana dopo gli incontri finali con i contatti del Rotary che sono stati magnifici dappertutto.

Madagascar: il team logistico rimane nel paese per completare il lavoro sulla supply chain per le future implementazioni.

Ciad: Con la Fase 3 ora in corso, il prossimo passo è attendere l’arrivo delle NFI e dei teloni attualmente in transito.

Caraibi: il team di monitoraggio e valutazione si sta dirigendo verso Saint Kitts.

Camerun: I kit per l’igiene sono arrivati nel magazzino del campo nell’estremo nord del Camerun – saranno distribuiti ai beneficiari durante la scuola.

 

Filippine:

ShelterBox è molto orgoglioso della sua nuova presenza nelle Filippine e grato al Rotary per il suo sostegno nel realizzare questa nuova struttura nel paese, molti anni nella pianificazione.

Ora che ShelterBox Operations Philippines è un’entità legale, registrata a Cebu con fiduciari e azioni di aiuto in attesa, ha già dimostrato il suo valore nella nostra risposta alle tempeste tropicali Kai Tak e Tembin.

Un responsabile dello sviluppo di uffici in Filippine è ora in servizio, e nei prossimi mesi il team crescerà. Il vantaggio principale di tutto questo lavoro è che ShelterBox è riconosciuto ufficialmente dal governo filippino come un’agenzia di soccorso in caso di calamità, con le libertà di operare, importare e, se del caso, materiali di aiuto a livello locale.

Sta già rendendo la nostra risposta agli eventi meteorologici delle Filippine più tempestiva, efficiente ed economica. Questo è il paese in cui ShelterBox ha risposto più di ogni altro al mondo – 24 volte negli ultimi 13 anni – ed esemplifica la forza della nostra partnership umanitaria internazionale con il Rotary. Dimostrando il modello flessibile e agile di ShelterBox al lavoro, questo è il posto giusto per fare un primo passo coraggioso verso le basi operative locali.

Filippine: Il team di risposta supervisionerà ancora una distribuzione a 44 famiglie questa settimana e stanno lavorando sulla distribuzione

Invieranno un Messaggio di monitoraggio (PDM), prima di tornare al  più tardi la prossima settimana.

PDM coinvolgerà operatori sanitari Barangay locali che stanno già incorporati all’interno delle comunità e può condurre indagini

sulla distribuzione  per conto della squadra  SHELTERBOX .

Madagascar: tutti i membri del team sono ora di nuovo nella capitale, Antananarivo, dopo aver completato valutazioni delle necessità.

Le persone nei distretti  più colpiti, stanno cominciando a recuperare. Le organizzazioni Governative, umanitarie e della comunità confermano che le persone sono tornate a casa o sono avviati i processi di ricostruzione con l’utilizzo di  materiali disponibili localmente. Eventuali situazioni locali  potranno essere affrontate  dal governo locale e della Croce Rossa.

Il team ha deciso di non chiamare un aiuto supplementare, ma resterà nel  paese per qualche giorno in più a concentrarsi

sul   controllo di ciò che è stato fatto  nel paese.

Ciad: fase 2 è stata completata. Fase 3 è in corso. La distribuzione consiste nel fornire un aiuto a coloro che sono stati sfollati, spesso più volte, dal conflitto Boko Haram. In totale, 1950 famiglie saranno sostenuti con NFIS e teloni.

Caraibi: Un team di monitoraggio e valutazione è nei Caraibi (a partire dal 22 gennaio).

I  3  membri del team avranno il compito  di visitare tutte le 5 aree di distribuzione nel corso di un mese.